Telematica per automezzi: i vantaggi per la flotta

Vediamo le caratteristiche della telematica, in particolare applicate alle flotte di automezzi, considerandone gli importanti vantaggi.

Neueste Beiträge

E-Mobilität: Nachhaltigkeitsziele für den Fuhrpark setzen

Fuhrpark im Winter: Die optimale Vorbereitung

Fuhrparkmanagement: Krisen- und Risikomanagement im Fuhrpark

June 29, 2023
X
Minuto

Introduzione

La telematica non riguarda solo le auto aziendali: è infatti un argomento importante per le aziende che dispongono di una flotta di automezzi, ossia un parco che prevede la presenza non solo di autovetture, ma anche di mezzi pesanti.

Scopriamo allora:

  • come funzioni la telematica,
  • quali siano i vantaggi di questo sistema,
  • quali siano i benefici speciali della telematica su una flotta di automezzi.

Come funziona la telematica?

Il termine telematica deriva dal francese télématique, che è frutto dell’unione di due termini, ossia télécommunication e informatique.

In generale si tratta di un sistema (software + hardware) installato sui mezzi, che consente:

  • il tracciamento,
  • il monitoraggio degli automezzi a numerosi livelli,
  • la trasmissione molto rapida, precisa e sicura dei dati.

Le black box

Un esempio di telematica applicata alla flotta sono le black box o scatole nere, dispositivi necessari:

La normativa prevede che dal 6 luglio 2022 sia presente la black box (scatola nera) sui nuovi veicoli affinché abbiano omologazione UE; dal 7 luglio 2024 sulle nuove immatricolazioni; e dal 2029 anche sui mezzi pesanti.

Il GPS

Grazie al GPS, è possibile:

  • localizzare con precisione il veicolo in qualsiasi momento,
  • registrare diversi dati rilevanti.

La strategia della localizzazione con GPS della flotta (GPS tracking) permette di avere, in tempo reale, una visione completa di tutti i dati importanti riguardanti ciascun veicolo: la posizione; lo stile di guida; il consumo carburante; i tempi di sosta/guida; i tempi di consegna carichi per i mezzi pesanti; e così via.

Questa localizzazione si può ottenere:

  • montando un GPS tracker su ciascun mezzo;
  • attraverso app dedicate (che non necessitano di hardware particolari), scaricate sullo smartphone/tablet personale del driver che, in questo modo, non è costretto ad avere a bordo troppi dispositivi;
  • con dispositivi built-in, ossia hardware già installati nei veicoli. Questi richiedono semplicemente che ci si registri online con il proprio account aziendale affinché il sistema si connetta con il software di gestione, trasmettendo tutte le informazioni necessarie.

La telematica oltre la flotta

La rete su cui si basa la trasmissione telematica, peraltro, può essere utilizzata in molti modi, non soltanto per i parchi auto. Ad esempio nel campo:

  • dell'assistenza sanitaria,
  • delle assicurazioni,
  • delle forze dell’ordine.

Lo scambio sicuro di dati viene utilizzato in vari settori e rende disponibili informazioni importanti per il lavoro da svolgere.

La telematica per i mezzi pesanti

La telematica per i mezzi pesanti prevede l'uso del cronotachigrafo, ma non solo.

Il cronotachigrafo, che per legge viene installato obbligatoriamente sui veicoli adibiti al trasporto di cose di peso complessivo superiore alle 3,5 tonnellate – dal 2026, superiore alle 2,5 tonnellate:

  • indica i tempi di guida effettuati e quelli rimanenti,
  • dà notifica delle soste,
  • dà conto dei pedaggi corrisposti.

Un controllo capillare di questi dati consente al fleet manager di:

  • ottimizzare le tempistiche per le consegne,
  • rispettare la normativa vigente,
  • controllare i percorsi e il loro costo,
  • dunque, di risparmiare considerevolmente in termini di efficienza nei confronti dei clienti, di tempo, e di denaro.

Scopriamo allora quali siano i vantaggi che un sistema telematico apporta alla flotta in presenza di mezzi pesanti.

Che cos'è la telematica per mezzi pesanti?

Grazie alla telematica, i dati relativi ai mezzi pesanti:

  • vengono registrati da una centralina o, più in generale, da un sensore durante la guida del veicolo,
  • vengono trasmessi all’azienda in modo rapido e sicuro attraverso la rete mobile,
  • possono essere ricevuti con un software adeguato.

In questo modo, il fleet manager può sempre sapere con esattezza:

  • dove si trova ogni camion della propria flotta,
  • per quanto tempo è stato in movimento,
  • quali distanze ha percorso.

La telematica per i mezzi pesanti fornisce quindi ai fleet manager tutte le informazioni necessarie:

  • per la localizzazione dei mezzi,
  • per un monitoraggio molto preciso dei veicoli,
  • per la pianificazione degli itinerari,
  • per il conteggio delle ore di lavoro degli autisti,
  • per il controllo del consumo di carburante.

Essendo il tachigrafo obbligatorio per gli autocarri sopra le 3,5 tonnellate di peso, la telematica nelle flotte, al momento, è molto più comune sui mezzi pesanti che non sulle classiche auto aziendali.

Vantaggi dei sistemi telematici per i mezzi pesanti

I sistemi telematici in generale comportano una serie di vantaggi che sono di grande interesse per la gestione delle flotte, in particolare per via dei dati che consentono di ottenere su:

  • chilometri percorsi e i tragitti effettuati,
  • tempi di lavoro e rispetto dei tempi di pausa,
  • comportamento di guida (comprese frenate e accelerazioni),
  • sicurezza,
  • analisi dei costi e dei consumi di carburante,
  • ottimizzazione dei percorsi e dell'impiego dei veicoli in tempo reale,
  • modalità di utilizzo dei veicoli.

Grazie all’analisi di tutti questi dati e alla conseguente pianificazione di strategie mirate d’azione, il fleet manager può giungere a una significativa riduzione dei costi della flotta.

I vantaggi della telematica nella flotta di automezzi

Ecco i vantaggi della telematica per una flotta di automezzi:

Giornali di bordo digitali o registri digitali

Lì vengono registrati con precisione i chilometri percorsi e gli orari di inizio e fine lavoro. Questi registri vengono utilizzati:

  • per presentare le ore di lavoro,
  • per dimostrare al cliente la distanza percorsa.

Questo migliora le condizioni di lavoro, poiché non ci saranno più ore al volante non pagate perché non viste. Inoltre, è possibile dimostrare che una certa distanza è stata percorsa all'ora stabilita. Un registro digitale basato sulla telematica per autocarri rappresenta quindi un importante vantaggio sia per gli autisti che per gli stessi fleet manager.

Posizionamento GPS preciso

Grazie al GPS:

  • i fleet manager possono seguire i veicoli in tempo reale,
  • sapere dove si trovano e ottimizzare il loro utilizzo;
  • i percorsi possono essere pianificati al meglio, in modo che l'uso complessivo del tempo di lavoro sia più efficiente nel migliore dei casi,
  • a lungo termine, è possibile ridurre i costi della flotta e migliorare l'utilizzo di tutti i veicoli sfruttando la flotta in modo più efficiente.

Risparmio sui costi per il carburante

I camion della flotta sono associati a un elevato consumo di carburante, che si traduce in costi non trascurabili per la flotta. È dunque opportuno esaminare più da vicino il consumo di carburante, proprio grazie alla telematica al fine di risparmiare sui costi per il rifornimento, a vantaggio della redditività dell'intera azienda.

Maggior sicurezza

Gli incidenti, purtroppo, non possono sempre essere evitati.

Un modo per ridurre la probabilità di sinistri, però, è una formazione dei conducenti che vada oltre la classica istruzione sulla conformità alle norme antinfortunistiche. Questo è possibile proprio grazie ai dati ottenuti dal sistema telematico dei camion e all’interpretazione del comportamento alla guida. Grazie all'analisi di questi dati, in molti casi è infatti possibile sviluppare istruzioni adeguate a ridurre il rischio di incidenti.

La sicurezza alla guida diventa dunque maggiore, perché in caso di incidente o furto del veicolo, i dati sono disponibili in tempo reale grazie alla telematica. Questo è quindi un vantaggio per autisti e fleet manager.

Conformità ai requisiti di legge

Non bisogna dimenticare che la telematica per i mezzi pesanti non è semplicemente un'opzione volontaria che l'autista può accettare o meno. Si tratta piuttosto di una questione di obblighi di legge, dal momento che il tachigrafo è obbligatorio per gli autocarri con peso lordo superiore a 3,5 tonnellate.

Conclusione: la telematica per automezzi è un'opzione vantaggiosa per la flotta

La telematica per gli automezzi è un'opzione determinante per la gestione della flotta, poiché la tecnologia consente di:

  • registrare dati importanti,
  • adattare i percorsi,
  • pianificare gli itinerari migliori,
  • avere percezione netta delle ore di lavoro,
  • conoscere il consumo di carburante.

L’analisi di questi dati è cruciale per ottimizzare la flotta.

Si rende dunque necessario un sistema telematico per autocarri e una scatola o un sensore sul veicolo per registrare i dati rilevanti nel modo più accurato possibile.

Dopotutto, misurazioni imprecise non sono auspicabili e portano solo a una base distorta sulla quale costruire poi un processo decisionale fallace.