Auto elettriche e freddo: quali conseguenze?

Le auto elettriche hanno davvero problemi quando fa freddo? Quali sono le conseguenze delle basse temperature sulla ricarica e sulle prestazioni? Vediamolo insieme.

Neueste Beiträge

Fuhrparkmanagement Software: Vorteile für den Fuhrpark

Ladekarten im Fuhrpark: Darauf müssen Sie achten

So reduzieren Sie die Werkstattkosten für Ihre Fuhrparkverwaltung

February 25, 2024
X
Minuto

Introduzione: al freddo, le auto elettriche subiscono conseguenze

È vero che le auto elettriche subiscono conseguenze negative se esposte al freddo?

È vero:

  • il freddo rallenta infatti il processo chimico che le batterie dei veicoli elettrici utilizzano per immagazzinare energia,
  • le prestazioni della batteria sono, così, ridotte,
  • i tempi di ricarica aumentano.

Uno studio dell'American Automobile Association ha rilevato che:

  • a -7 gradi, un veicolo elettrico può perdere fino al 12% della sua autonomia,
  • con l'accensione del riscaldamento dell'abitacolo può perdere fino al 40%.

Approfondiamo il discorso, capendone i motivi e cercando soluzioni e consigli.

I motivi delle conseguenze negative del freddo

Le conseguenze negative del freddo non attanagliano solo le auto elettriche:

  • il chilometraggio un'auto a benzina tradizionale è inferiore di circa il 15% a -7 gradi rispetto a 20 gradi, secondo il Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti,
  • nessun mezzo funziona al meglio quando le temperature si fanno molto rigide,
  • ma quelli elettrici presentano più problemi.

Vediamo perché.

Perché i veicoli elettrici si ricaricano più lentamente quando fa freddo?

Quando la temperatura scende sotto lo zero:

  • i processi elettrochimici che la batteria utilizza per caricarsi rallentano,
  • per potersi caricare, l'auto deve prima riscaldare la batteria, il che richiede tempo ed energia,

per questo motivo, la batteria impiega più tempo a caricarsi più fa freddo.

Una batteria si carica quando:

  • gli ioni di litio immagazzinati nel catodo tornano all'anodo.

In condizioni di carica al freddo, gli ioni fluiscono in modo meno efficiente attraverso l'anodo e la capacità della batteria diminuisce.

I consigli: come ottenere le migliori prestazioni da un veicolo elettrico al freddo

Preriscaldare la batteria

La maggior parte dei veicoli elettrici oggi:

  • preriscalda automaticamente le batterie quando è tempo di ricarica,
  • ciò consente loro di caricarsi in modo rapido ed efficiente una volta collegate.

Se la ricarica avviene a casa è bene:

  • prendere in considerazione la possibilità di collegare il mezzo mentre il veicolo è ancora caldo.

Parcheggiare al coperto, se possibile

In questo modo la batteria rimane più calda, quindi non è necessario utilizzare tanta energia per riscaldarla in seguito. Anche una copertura per auto può essere d'aiuto.

Riscaldare l'abitacolo (o i sedili) prima di guidare

Se fa molto freddo, è bene prendere in considerazione l'idea di accendere il riscaldamento dell’auto mentre è ancora in carica. L'uso del riscaldamento a -7 gradi ha comportato infatti:

  • una riduzione del 41% dell'autonomia di guida,
  • una diminuzione del 39% del risparmio di carburante.

Se si riscalda l'abitacolo mentre il veicolo è ancora incarica, non si utilizza l'alimentazione della batteria per portarlo a una temperatura ragionevole.

Se non si ha la possibilità di farlo, i riscaldatori dei sedili consumano meno energia rispetto ai riscaldatori dell'abitacolo.

Assicurarsi che la pressione degli pneumatici sia corretta

Gli pneumatici non in pressione comportano una maggiore resistenza al rotolamento, il che significa che il veicolo impiega più energia per avanzare.

Guidare con la modalità eco attivata

La maggior parte dei veicoli elettrici offre questo tipo di modalità, che:

  • richiede una quantità minima di energia,
  • anche se sacrifica alcune prestazioni.

Non lasciare che la batteria scenda al di sotto del 20%

L’auto, come detto poco sopra, ha bisogno di energia per riscaldarsi a sufficienza per caricarsi, quindi se si scarica troppo potrebbe non essere in grado di caricarsi anche se è collegata, a seconda di quanto fa freddo.

I test

AAA ha testato:

Tutte hanno un'autonomia di almeno 160 km per carica.

Sono stati testate in una cella climatizzata.

L'Automobile Club ha testato le auto a -7 gradi e 35 gradi, confrontando l'autonomia con quando sono state testate a 25 gradi, secondo un rapporto sullo studio.

  • A -7 gradi, l'autonomia media è diminuita del 12% quando il riscaldamento dell'abitacolo dell'auto non è stato utilizzato. Quando il riscaldamento è stato acceso, l'autonomia è scesa del 41%, ha detto AAA.
  • A 35 gradi, l'autonomia è scesa del 4% senza l'uso dell'aria condizionata e del 17% quando l'abitacolo è stato raffreddato.

Ad esempio, i tester dell'AAA hanno determinato che l'autonomia della Tesla quando era completamente carica a 25 gradi era di 385km,ma è scesa di 150 miglia, o del 38%, a -7 gradi.

(In una dichiarazione, Tesla ha contestato i risultati dell'AAA. L'azienda ha affermato che, sulla base dei dati raccolti dalle sue auto su strada, "il cliente medio della Model S non sperimenta nemmeno lontanamente una diminuzione dell'autonomia". La società ha detto che l'intervallo è sceso di circa l'1% a 35 gradi, ma non ha rilasciato una percentuale per il freddo).

È solo il freddo ad avere conseguenze sulle auto elettriche?

Il freddo non è l'unico fattore che può influenzare l'autonomia di guida.

La ricerca di AAA ha anche scoperto che quando:

  • le temperature esterne si riscaldano,
  • si usa l'aria condizionata all'interno del veicolo,
  • l'autonomia di guida diminuisce del 17%.

Conclusione

Abbiamo visto che:

  • le temperature estreme giocano di certo un ruolo importante nella riduzione dell'autonomia di guida,
  • ma l'uso del riscaldamento (o dell’aria condizionata, ma in minor misura) in queste condizioni ha l'effetto maggiore,
  • inoltre, un veicolo elettrico con un'autonomia di guida compromessa richiederà una ricarica più frequente, il che aumenta i costi di funzionamento del veicolo.

Le case automobilistiche fanno continuamente progressi per migliorare l'autonomia, ma grazie queste informazioni, i conducenti saranno più consapevoli dell'impatto che le variazioni delle condizioni meteorologiche possono avere sui loro veicoli elettrici.