Blog

Miscellaneous

Le migliori auto elettriche 2022

Quali sono le migliori auto elettriche per la mobilità cittadina e le lunghe percorrenze?

Giugno 28, 2022

Perché passare da un veicolo endotermico a un’auto elettrica

La svolta ecologica auspicata dal piano del Green Deal europeo, quella che prevede “zero emissioni nette entro il 2050”, porta aziende e privati a ragionare in maniera sempre più sostenibile e, in quest’ottica, a impegnarsi nella transizione all’elettrico dei loro veicoli.

Passare a una mobilità puramente elettrica comporta, senza dubbio, vantaggi notevoli: si fa del bene all’ambiente; si risparmiano tempo e denaro grazie alla minor manutenzione richiesta dalle e-car (nessun motore, minor consumo dei freni, meno parti soggette a usura regolare, …); si contengono i costi per il rifornimento; si usufruisce di  incentivi; si hanno vantaggi nella circolazione cittadina (parcheggi con le strisce blu gratuiti e passaggio libero nelle Ztl).

Ma quali sono le migliori auto elettriche che il mercato propone? Su quali sarebbe bene puntare per la mobilità cittadina e su quali per i lunghi viaggi? Esistono alternative?

 Le migliori auto elettriche per la mobilità cittadina

Le caratteristiche più importanti necessarie a una e-car affinché sia idonea agli spostamenti urbani riguardano per lo più la compattezza (le dimensioni ideali, in genere, si ritengono attorno ai classici quattro metri), un buon rapporto qualità/prezzo, la praticità, e – volendo – un design accattivante. L’autonomia richiesta non deve essere necessariamente elevata, perché la frenata rigenera e si percorrono pochi chilometri al giorno. In città, peraltro, è piuttosto semplice trovare punti di ricarica.

Vediamo allora, nello specifico, alcuni tra i modelli migliori sul mercato.

  • Volkswagen e-up!: si tratta di un’auto molto compatta (lunga 3,60 metri, con un passo di soli 2,42 metri, e un peso inferiore ai 1.200 kg), ma estremamente spaziosa all’interno. È dunque perfetta per il traffico e per i parcheggi cittadini. Ha 82 Cv, i quali, con i 212 Nm di coppia motrice dell’elettrico, le donano una spinta vivace, modulabile o immediata, a seconda delle necessità. Quanto ad autonomia, la sua media complessiva è di 217 km (in autostrada è di 158 km, ma in città può raggiungere i 258 km). Parlando di tempi di ricarica, invece, si rilevano: 14 km ogni ora ricaricando da una presa domestica, 65 km all’ora presso una colonnina pubblica, e 177 km all’ora in corrente continua. Conta, peraltro, quattro livelli di rigenerazione. Il prezzo base è di 25.850 euro.
  • Fiat 500e: è un’auto compatta (lunga 3,61 metri, con passo di 2,32 metri), pur essendo leggermente più grande della sua versione endotermica e più spaziosa all’interno. Ha anche un design molto più tech rispetto alla versione tradizionale (tecnologia full led, sistema e-latch a sostituire la maniglia). Offre grande comfort grazie agli interni realizzati con materie prime naturali e al sistema di infotainment avanzato. A bordo è dotata del sistema Uconnect 5 con schermo da 10,25 pollici e compatibilità wireless Apple CarPlay e Android Auto. Presenta, inoltre, una guida autonoma di secondo livello con adaptive cruise control, che mantiene la corsia, e agisce con la frenata automatica. Ha 118 Cv sviluppati da un motore elettrico da 87kW, alimentato da una batteria agli ioni di litio da 42 kWh. L’autonomia è di circa 440 km nel traffico urbano. Per quanto riguarda la ricarica, il sistema fast charger consente di ridarle 50 km di autonomia in soli 5 minuti e l’80% della capacità massima in 35 minuti. (Esiste anche la versione con motore da 70 kW (95 CV), con batteria da 23,65 kWh e 190 km di autonomia). Il prezzo dei quattro allestimenti previsti per questo veicolo è di: 27.300 euro per la Action, 29.300 per la Red, 32.500 per la Icon +, e di 36.000 per La PRIMA.
  • Honda-e: è compatta (lunga 3,90 metri) e presenta un design piacevolmente retrò. Al posto degli specchietti retrovisori esterni è dotata di due telecamere (il che contribuisce a contenere ulteriormente la grandezza di questo veicolo) e anche il retrovisore interno è collegato a una telecamera posteriore (questo comporta una buona visuale anche nel caso in cui i posti dietro siano occupati o se il bagagliaio sia fin troppo carico). È dotata di cinque schermi interni, necessari a monitorare la restituzione di tutte le telecamere e a gestire il sistema. Il bagagliaio, purtroppo, non è molto ampio, ma questo è un aspetto che potrebbe non incidere troppo negativamente, data la destinazione prevalentemente orientata al traffico urbano. Ha 150 Cv e oltre 300 Nm di coppia motrice, ma il peso, superiore ai 1.500 kg, ne inibisce un po’ la grinta. L’autonomia dichiarata è di «oltre 200 km». Con corrente continua, ha necessità di 30 minuti per passare da una batteria scarica, all’80% di carica. Il prezzo base è di 22.950 euro.

Le migliori auto elettriche per le lunghe percorrenze

Per i lunghi spostamenti, alle auto elettriche è richiesta un’autonomia più estesa e, soprattutto, una capacità di ricarica rapida, che non costringa a soste troppo protratte nel tempo.

  • KIA EV6: è stata nominata Car of the Year 2022 sulle sessantuno novità presentate (sei delle quali, elettriche). Si tratta di un crossover ed è la prima Kia a guadagnarsi questo premio prestigioso. Ma non è l’unico riconoscimento che si è meritata: è stata anche Irish Car of the Year 2022; What Car? Auto dell’anno; Crossover of the Year TopGear.com 2021; Premium German Car of the Year 2022; Best Cars of the Year 2021/2022. È un veicolo sportivo, massiccio e accattivante ed è realizzato su una esclusiva piattaforma modulare globale (E-GMP) sviluppata espressamente per la trazione totalmente elettrica: non si tratta, dunque, di un’auto creata su piattaforme progettate per ospitare motori endotermici. Il risultato è perciò uno spazio interno molto esteso, un’autonomia considerevole (ben 528 km in città e 420 sugli spostamenti lunghi), e una capacità di ricarica ultraveloce (passa dal 10% all’80% in soli 18 minuti). È disponibile con trazione posteriore (229 Cv) o integrale (325 Cv) e ha un peso importante, di 2.090 kg, che deve portare a valutare con attenzione lo spazio di arresto. Il prezzo parte da 49.500 euro.
  • Renault Mégane E-Tech: seconda al Car of the Year 2022, è un’auto compatta, ma spaziosa e dinamica. È lunga 4,21 metri – 15 cm meno della versione endotermica, pur essendo 6 cm più alta (1,51 metri). Ha un design decisamente hi-tech e presenta un effetto coupé, a livello estetico. Ha un passo lungo (2,70 metri) e il motore elettrico è poco ingombrante. Sul cruscotto, il display (OpenR) consente di gestire numerosissime funzioni e dà quattro possibilità di visualizzazione: pannello di controllo, mappe, stato della carica, e la versione semplificata (detta minimalista). Il sistema è basato su Android Automotive e presenta numerosi ADAS (limitatore di velocità, adaptive cruise control, frenata automaica, …). La batteria da 40 kWh, prevista per il motore da 131 Cv, ha un’autonomia di 300 km, mentre l’accumulatore da 60 kWh della versione da 218 Cv, i km di autonomia sono 470. La batteria, alle colonnine pubbliche in corrente alternata, dovrebbe recuperare circa 160 km in un’ora, mentre in corrente continua da 130 kW, fino a 300 km in mezz’ora. Il prezzo base è di 43.000 euro.
  • Hyundai IONIQ 5: terza al  Car of the Year 2022, è un crossover accogliente e spazioso. Ha un design vintage, anni ’70. Come la Kia EV6, è stata realizzata direttamente sulla piattaforma E-GMP. Nella versione con un solo motore elettrico da 170 Cv, ha un’autonomia di 384 km. In quella con 218 Cv, l’autonomia sale a 481 km, infine, nella versione con doppio motore e 305 cavalli combinati, l’autonomia è di 430 km. Per la ricarica in corrente alternata da una colonnina, sono sufficienti circa cinque ore per rigenerare l’accumulatore meno potente e almeno un’ora in più per quello più potente. In corrente continua, in soli 20 minuti si può riguadagnare l’80% dell’efficienza. Il prezzo base è di 60.250 euro.

La conversione di auto endotermiche in elettriche: il Retrofit

Caso mai non si volesse acquistare un’auto nuova, ma si decidesse comunque di passare all’elettrico, si avrebbe l’opportunità offerta dal Retrofit. Si tratta di un kit (accreditato presso il Ministero dei Trasporti) grazie al quale è possibile convertire un mezzo con motore endotermico (a benzina o diesel) in un veicolo elettrico e omologarlo, grazie al Decreto Retrofit D. M. n. 219/2015, usufruendo anche di incentivi statali. Questo kit comprende: motore elettrico, batterie agli ioni di litio, l’elettronica di gestione, e l’interfaccia con la rete per la ricarica delle batterie. Una volta modificata l’auto, non sarà necessario procedere con una nuova omologazione, basterà, invece, solo aggiornare la carta di circolazione presso la Motorizzazione Civile. Così si sarà in possesso di un mezzo che è ancora il proprio, ma che abbraccerà la tendenza green europea.

[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]