Blog

Miscellaneous

Acquisto, noleggio o leasing dell’auto aziendale?

Vediamo le differenze tra acquisto, noleggio e leasing delle auto aziendali e cerchiamo di capire quale tra queste soluzioni sia la migliore.

Agosto 19, 2022

Nel momento in cui un’azienda ha necessità di acquisire nuovi veicoli per implementare la propria flotta, si trova di fronte a tre vie principali: l’acquisto della vettura, il noleggio o il leasing.

Ma che differenza c’è fra queste opzioni? Qual è la migliore?

  • Con l’acquisto del veicolo, l’azienda ne acquisisce subito la proprietà.
  • Il noleggio a lungo termine, invece, consente all’azienda un uso protratto del mezzo che si termina con la sua restituzione alla società di noleggio.
  • Grazie al leasing, infine, dopo l’uso protratto del veicolo, l’azienda può procedere al riscatto dello stesso attraverso il pagamento di una maxi-rata finale e giungere quindi all’acquisizione definitiva.

Vediamo, in dettaglio, le caratteristiche di ciascuna soluzione e cerchiamo di capire quale sia la più conveniente.

L’acquisto dell’auto aziendale

Le caratteristiche dell’acquisto

  • Comporta il pagamento (immediato o dilazionato, tramite finanziamento) dell’intero costo dell’auto, richiede dunque un’ampia disponibilità di capitale;
  • tutte le spese di manutenzione/riparazione e tutti gli oneri amministrativi (bollo, assicurazione) gravano sul bilancio aziendale;
  • i pagamenti mensili non sono legati al deprezzamento di mercato del modello, ma restano fissi;  
  • se un veicolo non serve più, in genere viene comunque mantenuto per un lungo periodo, contribuendo all’incremento dei costi della flotta;
  • le vetture sono utilizzate per molti anni, il che comporta un’usura significativa e la possibilità di spese di manutenzione non preventivate;
  • il turnover delle auto che compongono la flotta è estremamente limitato. Essendo di proprietà, i mezzi restano infatti gli stessi per periodi estremamente prolungati. Non si hanno dunque a disposizione veicoli al passo con le innovazioni tecnologiche disponibili sul mercato. Questo incide in negativo anche sull’immagine dell’azienda, che si presenta con mezzi non sempre all’avanguardia.

L’acquisto conviene?

L’acquisto conviene se:

  • si ha grande disponibilità immediata di capitale che non è destinata ad altre aree di interesse;
  • non si vogliono vincoli di chilometraggio al mese;
  • non si necessita di grande turnover nella propria flotta;
  • si vuole la libertà di modificare/personalizzare i propri veicoli;
  • si acquista con regolarità presso un unico fornitore/produttore e si possono dunque ricevere sconti significativi sugli acquisti successivi;
  • non si ha timore della svalutazione fisiologica delle vetture in vista di un’eventuale vendita.

Agevolazioni fiscali sull’acquisto

Se il veicolo acquistato è ad uso promiscuo (quindi utilizzato sia per attività di lavoro che per scopi personali dei dipendenti) si ha la possibilità di usufruire di una deducibilità parziale (del 20%) con soglia fiscale di 18.075,99 euro, il che comporta il fatto che l’eventuale eccedenza sul costo di acquisto diventi ininfluente ai fini del calcolo per la deduzione.

Nel caso in cui il veicolo sia invece totalmente ad uso strumentale o pubblico, le soglie cambiano secondo la normativa.

Il noleggio a lungo termine

Caratteristiche del noleggio a lungo termine

  • Consente di usufruire del veicolo per 24/36/48/60 mesi con il pagamento di una rata mensile, la quale può anche essere ridotta a fronte del versamento di un anticipo maggiore;
  • nel canone mensile sono comprese tutte le spese legate alla vettura (assicurazione, bollo, manutenzione/revisione ordinaria e straordinaria);
  • la rata mensile comprende un determinato chilometraggio da concordare con la società di noleggio a inizio contratto e ogni eccedenza ha prezzo molto elevato;
  • non offre possibilità di riscatto del mezzo una volta terminato il contratto;
  • si può scegliere tra un contratto di noleggio single- o multi-sourcing, cioè, con uno o con più fornitori. Il vantaggio principale del single sourcing è che consente una progettazione più uniforme dei processi operativi relativi alla flotta. Per esempio, per l’ordinazione, la consegna e il ritiro dei veicoli, le procedure e le persone di riferimento sono sempre gli stessi. Inoltre, i rappresentanti delle società di noleggio sostengono di poter concedere sconti su grandi ordini. (Le possibilità per le società di noleggio a lungo termine di concedere sconti sui volumi sono tuttavia notevolmente inferiori alle possibilità offerte dalle le case automobilistiche. Le società di noleggio a lungo termine non dispongono infatti di costosi impianti di produzione con cui ottenere risparmi significativi grazie alle economie di scala e all’elevato utilizzo della capacità produttiva). I vantaggi del multi sourcing, invece, sono dovuti alla possibilità di poter confrontare le offerte dei fornitori, di metterli in competizione tra loro e, ogni volta che si conclude un contratto, di decidere di sceglierne uno più economico.

Il noleggio conviene?

Il noleggio a lungo termine conviene se:

  • non si ha grande disponibilità immediata di capitale o, qualora si avesse, essa sarebbe destinata ad altre aree di interesse;
  • non si hanno problemi con i vincoli di chilometraggio al mese;
  • non si vogliono spese aggiuntive, oltre al costo fisso mensile, per la manutenzione e per la gestione amministrativa del veicolo;
  • si necessita di grande turnover nella propria flotta;
  • si desidera avere auto sempre al passo con le nuove tecnologie. Questo incide in positivo anche sull’immagine dell’azienda, che si presenta con mezzi sempre all’avanguardia;
  • non si ha bisogno di modificare/personalizzare i propri veicoli;
  • si preferisce evitare la svalutazione fisiologica delle vetture, nella quale si incorrerebbe con l’acquisto;
  • si ha la possibilità di scegliere tra un contratto single sourcing o multi sourcing.

Agevolazioni fiscali sul noleggio a lungo termine

Se il veicolo noleggiato è ad uso promiscuo (quindi utilizzato sia per attività di lavoro che per scopi personali dei dipendenti) si ha la possibilità di usufruire di una deducibilità parziale (del 20%) con soglia fiscale di 3.615,20 euro (di gran lunga inferiore rispetto a quella per l’acquisto e, vedremo, del leasing), il che comporta il fatto che l’eventuale eccedenza sul costo di noleggio annuale diventi ininfluente ai fini del calcolo per la deduzione.

Nel caso in cui il veicolo sia invece totalmente ad uso strumentale o pubblico, le soglie cambiano secondo la normativa.

Il leasing

Caratteristiche del leasing

  • Consente di usufruire del veicolo per un tempo prolungato (in genere più di 48 mesi), da concordare con la società di leasing, a fronte del pagamento di una rata mensile.
  • Nel canone mensile, che è più basso rispetto a quello di noleggio, non sono comprese tutte le spese legate alla vettura (le spese di manutenzione sono infatti escluse, mentre restano bollo e assicurazione).
  • La rata mensile comprende un determinato chilometraggio da concordare con la società di leasing a inizio contratto e ogni eccedenza ha prezzo molto elevato.
  • Offre possibilità di riscatto del mezzo una volta terminato il contratto attraverso il pagamento di una maxi-rata finale, da concordare con la società.
  • Come per il noleggio si può scegliere tra un contratto di leasing single- o multi-sourcing, cioè, con uno o con più fornitori (si veda il paragarafo precedente).

Il leasing conviene?

Il leasing conviene se:

  • non si ha grande disponibilità immediata di capitale o, qualora si avesse, essa sarebbe destinata ad altre aree di interesse;
  • non si hanno problemi con i vincoli di chilometraggio al mese;
  • si necessita di grande turnover nella propria flotta;
  • si desidera avere auto sempre al passo con le nuove tecnologie. Questo incide in positivo anche sull’immagine dell’azienda, che si presenta con mezzi sempre all’avanguardia;
  • non si ha bisogno di modificare/personalizzare i propri veicoli;
  • si preferisce evitare la svalutazione fisiologica delle vetture, nella quale si incorrerebbe con l’acquisto, perlomeno fino a quando (e se) si decide di riscattarle;
  • come per il noleggio, si ha la possibilità di scegliere tra un contratto single sourcing o multi sourcing. Le caratteristiche e i vantaggi sono i medesimi.

Agevolazioni fiscali sul leasing

Se il veicolo in leasing è ad uso promiscuo (quindi utilizzato sia per attività di lavoro che per scopi personali dei dipendenti) si ha la possibilità, come per l’acquisto, di usufruire di una deducibilità parziale (del 20%) con soglia fiscale di 18.075,99 euro, il che comporta che l’eventuale eccedenza sul costo di leasing annuale diventa ininfluente ai fini del calcolo per la deduzione.

Nel caso in cui il veicolo sia invece totalmente ad uso strumentale o pubblico, le soglie cambiano secondo la normativa.

Conclusioni

Quale tra le tre soluzioni è dunque la migliore?

Com’è naturale, la scelta tra acquisto, noleggio o leasing dipende dalle esigenze, dalle caratteristiche e dall’orientamento strategico di ciascuna azienda.

I fleet manager devono comunque prendere in considerazione alcuni punti fondamentali:

  • le agevolazioni fiscali sono nettamente più convenienti su acquisto e leasing, mentre il noleggio appare come la soluzione fiscalmente meno vantaggiosa;
  • il noleggio, però, consente all’azienda di doversi preoccupare solo del canone fisso mensile e di nessun’altra spesa (manutenzione/revisione/amministrazione);
  • i servizi inclusi nei contratti di noleggio/leasing non sono sempre i medesimi, ma variano di società in società, perciò bisogna leggere le clausole con estrema attenzione;
  • l’impatto sul capitale dell’azienda è molto differente tra acquisto e noleggio/leasing. La liquidità non destinata all’acquisto, infatti, può essere impiegata per altro;
  • le auto acquistate sono destinate a usurarsi negli anni. Questo comporta spese via via crescenti per la manutenzione (anche non preventivata), la svalutazione delle vetture in vista di un’eventuale vendita, e un ritorno d’immagine non positivo per l’azienda, che si presenta con veicoli datati;
  • la spesa fissa mensile per il leasing è ridotta rispetto a quella del noleggio, ma comprende meno servizi (no manutenzione/sì bollo e assicurazione). Quella del noleggio, invece, è più elevata, ma toglie qualsiasi preoccupazione/incombenza /ulteriore spesa all’azienda;
  • con l’acquisto non si hanno vincoli di chilometraggio mensili e si possono personalizzare/modificare i veicoli.

Le tre opzioni, insomma, comportano tutte vantaggi e rischi che il fleet manager deve valutare molto attentamente, insieme alle altre figure aziendali e tenendo d’occhio risorse e strategia della propria compagnia, prima di prendere una decisione per la flotta che gestisce.

[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]