All Glossario

Unità alternative

Oltre ai tradizionali motori a combustione interna alimentati a diesel e a benzina, oggi esistono numerosi motori alternativi e non fossili. Le immatricolazioni di veicoli con propulsione alternativa sono in costante aumento perché si rivelano interessanti per le aziende che vogliono ridurre le emissioni e contribuire al raggiungimento degli obiettivi climatici. Naturalmente, il passaggio a motorizzazioni alternative comporta dei vantaggi, che non sono del tutto privi di interesse alla luce del costante aumento dei costi del carburante. Sempre più aziende stanno quindi convertendo tutta o parte della loro flotta a sistemi di trazione alternativi. È comunque importante esaminare attentamente le esigenze, le possibilità, e l’utilizzo di tutti i veicoli del parco auto: solo dopo è possibile effettuare la transizione.

Carburanti alternativi: una panoramica

Azionamento elettrico

I veicoli a trazione elettrica suscitano sempre più interesse tra la popolazione. Si tratta di veicoli dotati di un motore elettrico. Come nel caso di una batteria, essi possono essere ricaricati, in modo che non sia più necessario il classico carburante. Il processo di ricarica avviene presso le colonnine pubbliche, presso quelle aziendali o presso quelle domestiche. (La ricarica tramite wallbox domestica richiede però, in genere, molto tempo).

I veicoli elettrici sono ora disponibili in tutte le dimensioni e presso diverse case automobilistiche. Si differenziano per prezzo di acquisto e per gamma. L’autonomia dei veicoli a trazione elettrica è solitamente limitata, perciò per le lunghe percorrenze è necessaria una ricarica ulteriore rispetto a quella effettuata prima di partire. A seconda del tipo di veicolo e di batteria, è ora possibile un’autonomia compresa tra 250 e 600 chilometri. Vari fattori, comunque, come temperature esterne molto basse o l’uso di un riscaldatore, influiscono notevolmente sull’intervallo esatto.

Azionamento ibrido

Un veicolo ibrido presenta sia un motore elettrico che un motore a combustione. Esistono diversi modelli di veicoli ibridi, per cui non tutte le opzioni sono direttamente considerate un’interessante alternativa di guida. Il motore elettrico ha lo scopo principale di fornire un supporto durante la partenza ed è vantaggioso, dunque, quando si guida nel traffico. Un veicolo full hybrid è in grado di coprire distanze più brevi interamente con il motore elettrico. Questa opzione non è però disponibile su tutti i veicoli a trazione ibrida.

Un veicolo ibrido ha un’autonomia elettrica ridotta. Non può essere ricaricato tramite la rete elettrica convenzionale. Pertanto, l’unità ibrida è, in sostanza, un supporto al motore a combustione. La trazione alternativa non è il focus principale di questo veicolo. Questo è uno dei motivi per cui non tutti i veicoli a propulsione ibrida sono idonei. Una differenziazione precisa tra i modelli e un’analisi dell’autonomia elettrica sono particolarmente importanti quando si decide per una motorizzazione ibrida della flotta.

Ibrido plug-in

Un ibrido plug-in presenta, anch’esso, motore elettrico e motore a combustione. Il fattore decisivo è che la soluzione plug-in consente di caricare il motore elettrico direttamente dalla rete. L’autonomia elettrica è quindi notevolmente superiore a quella di un veicolo completamente ibrido.

La differenza principale tra un’unità ibrida plug-in e un’unità ibrida classica è quindi rappresentata dai chilometri elettrici aggiuntivi. La maggiore autonomia elettrica porta gli ibridi plug-in a poter beneficiare delle sovvenzioni,  a differenza degli ibridi classici: dato che il veicolo può essere caricato dalla rete elettrica, è infatti possibile viaggiare in modo più sostenibile. Rispetto a un motore elettrico puro, la possibilità di utilizzare il motore a combustione significa che l’autonomia è significativamente maggiore.

Guida a idrogeno

Una soluzione particolarmente interessante per il futuro è la trazione a idrogeno. Si tratta di un motore elettrico che però non viene alimentato con le stazioni di ricarica attualmente in uso. L’idrogeno in forma gassosa, in sostanza, alimenta il motore, poiché viene rilasciato insieme all’ossigeno sotto forma di elettricità.

Va notato, comunque, che sia lo stoccaggio che il trasferimento dell’idrogeno non sono facili. Si tratta di un sistema di propulsione alternativo molto sostenibile, che tuttavia deve essere ulteriormente perfezionato in termini di produzione e implementazione. Attualmente, il costo della propulsione a idrogeno è così elevato che non è ancora una soluzione accessibile alle masse.

Azionamento a gas naturale

A differenza di altri veicoli con sistemi di trazione alternativi, il sistema di trazione a gas naturale ha un motore a combustione interna. In questo caso non è necessario utilizzare altri motori, ma al posto del carburante convenzionale viene utilizzato il gas naturale per la propulsione. La particolarità è che viene bruciato gas naturale liquefatto. Per essere più precisi, il motore a gas naturale brucia una miscela di gas e aria anziché di benzina e aria. Utilizzando la stessa tecnologia del classico motore a combustione, quindi, il veicolo può essere alimentato con un carburante diverso.

Nonostante la stessa base tecnica, l’azionamento a gas naturale presenta differenze significative rispetto all’azionamento classico: le emissioni di polveri sottili e di azoto sono praticamente inesistenti. Anche il bilancio dell’anidride carbonica è positivo se lo si paragona con il carburante convenzionale. Nonostante il miglior bilancio nel confronto diretto, tuttavia, il gas naturale è un combustibile che prima o poi si esaurirà, il che significa che non rappresenta un’alternativa seria o a lungo termine ai combustibili convenzionali.

Azionamento a GPL

Un’alternativa all’unità a gas naturale è l’unità a GPL. GPL è l’acronimo di Liquified Petroleum Gas (gas di petrolio liquefatto), conosciuto colloquialmente come autogas. Il gas liquido viene mantenuto in questo stato sotto pressione e offre un rischio di esplosione inferiore rispetto al gas naturale gassoso. È possibile recarsi in apposite stazioni di rifornimento di GPL per fare il pieno al veicolo. Per la propulsione a GPL è necessario modificare il motore a combustione, con costi compresi tra i 1.800 e i 3.500 euro circa. Questa soluzione è un’opzione alternativa rispetto ai veicoli con motore a benzina o diesel. I vantaggi corrispondono a quelli di un’unità a gas naturale, con una riduzione dei costi molto significativa rispetto al rifornimento dei carburanti tradizionali.

Guidare con il bioetanolo

L’opzione a basse emissioni è realizzata con materie prime di origine vegetale, il che rende possibile la guida di un veicolo con bioetanolo. Poiché per questa forma di propulsione sono ancora necessarie materie prime vegetali e l’aggiornamento dei motori, si tratta di una soluzione non ancora adatta alle masse. Per trattori, camion e altri macchinari pesanti, dove un motore elettrico non ha potenza o autonomia sufficienti, l’azionamento a bioetanolo sarebbe particolarmente adatto. L’aspetto interessante di questa soluzione è che durante l’utilizzo viene rilasciata la stessa quantità di CO2 che le piante avevano precedentemente assorbito. Utilizzando materie prime di origine vegetale, si crea il bioetanolo compatibile, che può ridurre le emissioni di CO2 di circa il 90% rispetto al carburante convenzionale.

Insieme al biodiesel, il bioetanolo è uno dei biocarburanti per i quali vengono utilizzate diverse materie prime. Il fattore decisivo è che il bioetanolo viene prodotto facendo fermentare e poi distillando le materie prime: di solito si utilizzano mais, barbabietole da zucchero o cereali, ma si possono utilizzare anche il legno e la canna da zucchero. Tuttavia, il motore deve essere preparato per il nuovo carburante e adattato di conseguenza. Va inoltre notato che nella pratica è solitamente necessaria una piccola percentuale di benzina per convertire la soluzione di bioetanolo.

Guidare con il biodiesel

Un’altra opzione tra i cosiddetti biocarburanti è il biodiesel, che è ottenuto da olio vegetale, come ad esempio olio di colza. La miscela risultante può essere utilizzata come opzione più sostenibile rispetto al diesel. L’uso e la fornitura di biodiesel non hanno però ancora un ruolo molto importante nella pratica attuale.

Guida con olio vegetale

Sia l’olio raffinato che quello non trattato possono essere utilizzati per la guida con olio vegetale. È importante, però, che il motore venga adattato per evitare difficoltà. La scarsità di petrolio, come quella che si verificherà in alcune aree nel 2022, rende particolarmente difficile l’uso dell’olio vegetale come sistema di propulsione per i veicoli.

Va notato che questo elenco sarà certamente ampliato in futuro. L’aumento della ricerca e l’idea di sempre nuove possibilità per i motori alternativi faranno sì che, in futuro, ci siano ancora più varianti disponibili. Tuttavia, i veicoli con motore elettrico sono attualmente i più interessanti nella vita quotidiana.

Azionamenti alternativi: vantaggi e svantaggi

Tipo di azionamentoVantaggiSvantaggi
Azionamento elettricoUna soluzione sostenibile per ridurre notevolmente le emissioni Esistono ancora sovvenzioni statali per l’acquisto di veicoli Il carburante convenzionale non è più necessario Si estende a veicoli di tutte le dimensioni e classi Guida quasi silenziosa L’infrastruttura di ricarica viene costantemente migliorataL’autonomia è inferiore rispetto al motore a combustione interna I tempi di ricarica sono piuttosto lunghi, a seconda della connessione e del modello Prezzo di acquisto più elevato rispetto ad altre opzioni Occorre tenere conto dell’aumento dei costi dell’elettricità
Azionamento ibridoÈ possibile percorrere brevi distanze con la trazione elettricaAutonomia elettrica molto ridotta Nessuna ricarica tramite rete elettrica Non ammissibile in termini di costi di acquisizione
Ibrido plug-InÈ possibile la ricarica dalla rete elettrica Lunga autonomia grazie alla combinazione di motore a combustione e motore elettrico Soluzione ammissibileNon è sostenibile come un motore elettrico Bassa autonomia elettrica
Guida a idrogenoLa soluzione più ecologica attualmente disponibile Combina un motore elettrico con una generazione alternativa di energia con idrogenoCosti attualmente ancora molto elevati Per ora non è adatta all’uso quotidiano, poiché lo stoccaggio/distribuzione dell’idrogeno è molto difficile.
Azionamento a gas naturaleMolto più sostenibile del carburante convenzionaleEsiste il pericolo di esplosione Materia prima esauribile Non è una soluzione per il futuro
Azionamento a GPLLa miscela di gas viene prodotta durante la produzione di petrolio Costi significativamente inferiori rispetto ai sistemi di azionamento convenzionali Il rifornimento di GPL è possibile senza problemi in luoghi appropriati Più sostenibile di benzina/dieselInfrastrutture carenti con ancora poche stazioni di rifornimento Conversione costosa da motore a combustione a GPL Autonomia inferiore rispetto ai motori a benzina/diesel La trazione è legata a un combustibile fossile esauribile. Non è una soluzione a lungo termine
Guida con bioetanoloSoluzione interessante per i veicoli per i quali non è possibile utilizzare un motore elettrico Emissioni significativamente basse Non vengono utilizzate materie prime esauribiliL’uso di materiale vegetale non è possibile in grandi quantità I motori richiedono una conversione
Guida con biodieselMateria prima biologica sotto forma di materiale vegetale Interessante alternativa al diesel Valori di emissione piuttosto bassiIl materiale vegetale non è ancora disponibile per l’uso su larga scala. Finora non sono stati compiuti sforzi particolari da parte dello Stato per l’attuazione di leggi in merito
Propulsione a olio vegetaleUso dell’olio vegetale come bio-alternativa al carburante convenzionaleÈ necessaria la conversione del motore Le piante oleaginose non sono ancora disponibili in quantità sufficienti

Conclusione: le unità alternative sono il futuro per le aziende innovative

Le unità alternative si faranno sempre più popolari. Le aziende potranno ridurre i costi e le emissioni causate dalle loro flotte di veicoli. Prima di passare da una flotta con motori a combustione a trazioni alternative, tuttavia, è fondamentale esaminare tutti i vantaggi e gli svantaggi di ciascuna soluzione. I fleet manager dovrebbero quindi informarsi a fondo prima della transizione per prendere la decisione migliore per l’azienda.

Per saperne di più, partecipate a uno dei nostri webinar o al nostro blog. Nella nostra guida completa sulla mobilità elettrica, potrete scoprire tutto ciò che è importante per passare con successo alle unità alternative. Poiché è fondamentale considerare i costi sostenuti dalla flotta, le unità alternative possono fare una grande differenza. Questo si riferisce soprattutto ai costi di gestione e di carburante, che sono più bassi. È prevedibile che in un futuro non troppo lontano il tema delle trazioni alternative sarà ancora più importante di quanto non lo sia oggi.

Domande frequenti sui carburanti alternativi

Quale tipo di trazione alternativa è la più ecologica?

Il tipo di trazione alternativa più ecologica è considerata l’auto elettrica pura. Grazie alle sue basse emissioni, è attualmente l’opzione più sostenibile. Ancora più ecologici, anche se non ancora così diffusi, sono i veicoli a idrogeno.

Quale unità alternativa è la più economica?

Attualmente, l’alternativa più economica è l’auto elettrica. Il più costoso, invece, è il veicolo ibrido plug-in. Si noti, però, che queste stime si applicano se l’auto elettrica dispone di una propria stazione di ricarica. L’utilizzo di stazioni di ricarica pubbliche, per le quali è previsto un addebito, rende infatti l’auto elettrica più costosa. Si tenga comunque presente che i dati esistenti qui subiranno variazioni in futuro a causa della crescente modernizzazione.

I motori alternativi hanno la stessa potenza dei motori a combustione?

No, attualmente non hanno le stesse prestazioni dei motori a combustione. Va notato che la loro autonomia è ancora ridotta, il che significa che le unità alternative sono utilizzate solo in misura limitata per le lunghe distanze. Le prestazioni delle unità alternative continuano a essere inferiori, anche se le rispettive differenze si stanno riducendo sempre più grazie ai costanti miglioramenti dei veicoli.

Qual è il sistema di trazione alternativo del futuro?

La propulsione a idrogeno è considerata la forma di propulsione ecologica e pratica del futuro. L’idea è che l’idrogeno diventi la fonte di energia per il motore elettrico. Va notato, tuttavia, che, pur trattandosi di una forma di propulsione nella quale si ripongono molte speranze, resta da vedere come funzionerà nella pratica.

[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]